HAPPY!, Morrison spiega perché la serie tv farà felici i fan di Invisibles

HAPPY! è la nuova serie tv di Syfy, che prende spunto dalla miniserie a fumetti di Grant Morrison e Darrick Robertson. Lo show ha fatto il suo debutto questa notte e non vediamo l’ora di scoprire cosa ne sia venuto fuori, perché non è mai semplice interpretare le folli idee dello sceneggiatore scozzese. Figuriamoci adattarle in uno show televisivo!

Solo recentemente il buon Grant sembra essersi dato una calmata, riuscendo a scrivere una storia più semplice, lineare, fresca e divertente: Klaus. Happy!, invece, è più vicina alla storica serie Invisibles, un cult assoluto, non facile da masticare. Questo è proprio il pensiero dello stesso Morrison, espresso durante un’intervista a Newsarama.

LEGGI: Happy! di Grant Morrison, il teaser trailer della serie tv (VIDEO)

HAPPY! come Gli Invisibili?

Ecco le sue parole: “…Happy!’s wound up closer to something like The Invisibles, I think. It takes the basics of the comics, and expands it in all these new directions, and I think it’ll be very comfortable for people who are familiar with my stuff – all kinds of directions I don’t think anyone will expect.

Insomma, l’autore si è divertito, nuovamente, ad espandere in nuove direzioni gli elementi base dei comics. Questo lavoro lo aveva già fatto con i suoi “Invisibili”, opera pubblicata negli Stati Uniti dal 1994 al 1999 dalla DC Comics sotto l’etichetta editoriale Vertigo.

The Invisibles è stata descritta da Wikipedia così: “Lo sceneggiatore scozzese si appropria dell’intero scibile della cultura e controcultura pop, facendo convivere così il serial orwelliano Il prigioniero con la mitologia azteca, il libro delle divinazioni cinesi I-Ching con le ultime scoperte della fisica quantistica, il Situazionismo di Guy Debord e le ossessioni angoscianti di Howard Phillips Lovecraft, lo spirito lisergico di John Lennon con l’esoterismo di Aleister Crowley.”

Sarà veramente interessante cogliere questo stesso aspetto guardando gli episodi televisivi di Happy!, uno show che adatterà il fumetto di Morrison senza troppi “freni”.

Commenti

commenti

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com